Cliccando su questo contenuto andrai sul sito di Amazon, che usa cookies.

Thoughful Digital World
il digitale usato seriamentea thoughful use of digital

Tag Clouds

Tag Clouds

È diventata una moda. Simpatici, i Tag Clouds lo sono.

Ma sono anche utili?

Nel caso di certe tipologie di siti, in particolare i Blogs i tags (meglio se visualizzati come TagClouds, viualizzando a colpo d'occhio quali sono le parole più calde) più che utili sono indipensabili.

Nel caso di altre tipologie, come un classico sito a struttura gerarchica a cartelle la loro utilità appare decisamente dubbia.

Per lo meno, bisogna vedere caso per caso: se il sito è già ben strutturato da un punto di vista logico accessibile al navigatore, non se ne vede la necessità.

Potrebbe risultare utile avere dei tags clouds nel caso di un sito poco logicamente strutturato, per aiutare i visitatori a orizzontarsi.

come fare?

I siti che forniscono Blog provvedono loro stessi a mettere a disposizione dei generatori automatici di Tag Clouds.

Occorre spesso però che essi vengano attivati.

Esistono poi dei siti sul web che generano automaticamente Tag Clouds. Ne abbiamo provati diversi. Non è raro che il risultato sia insoddisffacente: ad esempio su alcuni generatori vengono “taggate” anche delle preposizioni e degli articoli (!). Occorre di fatto un esame manuale del codice generato. Il che comporta una perdita di tempo, che va valutata opportunamente.

Tra i diversi siti, segnalo quelli che producono TagClouds con Flash: l'impatto è gradevole (poi, ognuno valuti quanto utile per le sue esigenze). Non male è il sito, che non ha un output Flash, tag-cloud-generator: è abbastanza preciso nell'individuare le parole da taggare, ossia i links.

Un po' pasticcione nella scelta delle parole da taggare, ma pregevole per l'effetto grafico del suo otutput flash è questo altro tag-cloud generator.

Nell'unico caso in cui ho usato fare i io i tag clouds, ho sintetizzato i risultati dei due siti: dal primo ho tratto i links, dal secondo l'effetto flash. L'operazione è relativamente semplice, perché il secondo si basa per i links su un file di testo, un xml, che può perciò essere ritoccato facilmente. Non sono riuscito a rinominarlo, mentre ho rinominato gli altri files che occorre usare (un javascript e un swf).

Cliccando su questo contenuto andrai sul sito di Amazon, che usa cookies.